Forza e coraggio

La tenacia, ha sempre contraddistinto la mia vita. Ogni difficoltà sopraggiunta ha sempre richiesto massimo impegno, utile affinché tutto si risolvesse.

Le esperienze vissute hanno costituito un non indifferente insegnamento.....

....la vita andava avanti, il bagaglio personale cresceva, portavo tutto con me, niente mi pesava.....

 

 

Con un pò di pazienza

 

Ho atteso le tenebre

chiamandole spesso in mio aiuto...

...mi sono rivolto alla luna

chiedendole di sparire.

Sono comparse le stelle,

mangifici occhi, simili a  diamanti, nell'oscurità...

...li ho pregati di continuare a dormire.

Ho desiderato, ardentemente 

che il sole tardasse a sorgere...

....lasciando così viva la notte.

Adesso, finalmente, niente più ostacola

la mia vista...niente più può 

distogliermi lo sguardo.

Sono in grado di vedere, chiaramente,

ciò che conta e mi interessa...

...con un pò di pazienza, qui come ad est

ho visto nascere ed innalzarsi un nuovo astro

tanto che, ora, nulla potrà 

più essere come prima.

 

                                L.G.

 

 

 

Durante gli anni duemila, si verificheranno altri eventi nefasti, per la mia famiglia....momenti che abbatteranno totalmente la tranquillità e la serenità di tutti noi.

La perdita di un'altra persona carissima, incide ora sulle nostre esistenze e nulla più sarà come prima.....

 

 

Tra sogno e realtà

 

E' sempre presente, l'immagine bifronte del tuo viso.

Indelebile, dalla mia mente.

Da un lato, la serenità di quegli anni, 

vissuti nella felicità, 

palese o cammuffata.

Dall'altro, la tristezza e la sofferenza,

dei giorni dell'attesa.

Sei apparso in sogno, flash-back, viso triste....

...mostravi tenacia, serenità.

Accanto a me, come negli anni dell'infanzia.

Tanta gente, vicino.....tu ed io presenti !!

Quello sguardo, il tuo sguardo....

...dapprima perso nel vuoto,

ora mi fissava, stanco, quasi a chiedermi sostegno.

Stupefatto, incredulo, attonito....

...accoglievo la richiesta, portandolo a me, 

al mio petto....

..." Su, riposa, ci sono qua io....."

Mentre quegli occhi, a poco a poco,

si chiudevano addormentati.

 

                                         L.G.

 

 

 

 

    ......questi momenti annientano la nostra esistenza....ci accorgiamo che siamo veramente piccoli, di fronte a tutto questo....e per quanto possiamo definirci ragionevoli e ben pensanti, in noi la rabbia sarà sempre presente.

    L'uomo, individuo minuscolo, al cospetto dell'universo !!

 

 

 

.......

 

 

The fog

 

L'hai cercato, inseguito, questo tempo.

Per molti è stato ieri...per te, forse sarà il domani.

Il sole brilla, irradia il mio viso, insistente....

...io sono già sveglio....grazie per la tua luce.

Vedo tutto, ancora una volta.....chiaramente.

Risalirò la china, ancora.....

...e con me ci sarà lei.

Avevi perso il tuo sentiero...

...ora camminavi, senza meta.

All'orizzonte, scure, solo nuvole minacciose.

Uomo, quanta strada hai percorso...

...verso destinazioni sconosciute,

ora avanti......ora indietro,

tentando di ritrovarti.

Mentre l'eco di una musica, di lontano,

ti accompagna al tempo che fu.

Triste, il tuo cuore, non vuoi più ascoltare.

Ti lasci andare, pianto fanciullesco...

...e pensi che oggi, oh sì, oggi è meglio il presente.

 

                                                 L.G.

 

 

 

....già, il presente....quasi nuova vita.

 

 

 

La tua voce....la mia musica

 

Ho visto cadere molte foglie....

...è l'autunno.

I rami degli alberi, arbusti oramai senza vita,

ondeggiano...un sordo rumore, 

accompagna il loro movimento.

Leggere, ad una ad una, si posano sul prato verde.

Quale magia ?  Artefizio ? 

Cadono delicatamente, si posano, adagio,

una dopo l'altra.

Formano versi, rime poetiche.

Sì, come un tempo, con grazia e semplicità,

ascoltando solo la voce del mio cuore.

Caldo e pulsante di battiti, tenero suggeritore,

le sento scivolare via, fuori da me,

frenetiche, senza controllo.

Non c'è ordine, compaiono così, inaspettatamente.

E' la mia volontà, di poterle leggere,

ciò le rende vive....e la melodia che le accompagna,

ripaga le mie orecchie.

Tale è il bisogno di ascoltarle,

come un'eco, interiore, intona questo canto,

una musica aleggia dentro me,

una bufera mi sferza l'anima,

togliendo pace ed armonia.

 

                                            L.G.

 

 

 

 Canzone

 

Salva il mio cuore

 

Per il mio cuore basta il tuo petto,

io te lo affiderei, per difenderlo.

Per te, per essere libera, bastano le mie ali.

Dalla mia bocca giungerà fino in cielo

ciò che era assopito nella mia anima.

 

Risiede in te l'illusione di ogni giorno....

...che sia quello il tempo perfetto.

Al mattino sei come la rugiada,

rinfreschi i petali, sulle corolle...

...e la tua essenza segnal'orizzonte.

Eternamente in fuga come l'onda.

 

Ho sentito la tua voce cantare nel vento,

la sua forza dimena gli alberi....

le sue fronde parlano d'amore.

Come le chiome sei alta....

...e allo stesso tempo taciturna.

E di colpo ti rattristi, come un viaggio.

 

Accogliente nel momento in cui

al prossimo mostri gli occhi

ma la tua mente è ferma, bloccata

da voci piene di nostalgia.

Ora, io mi sono svegliato...cacciale via da te.

Riffuggi i cattivi pensieri, respingi via gli stormi

di corvi neri che dormivano nella tua anima.

 

La tua luce è la salvezza.....ed io attendo il chiarore,

ad illuminarmi la strada !!

 

                                      L.G.

 

 

 

....

 

 

Nell'immagine di te

 

Nuove sensazioni, forti emozioni...

...è una stretta al cuore.

Reale più che mai, comprime il mio petto.

Un sussulto alla mia coscienza.

Mi spinge, tutto ciò, sempre più in alto...

fino ad arrivare....dove !?

Volo, così, libero nell'anima e nella mente,

padrone di me stesso e dei miei sentimenti.

Spazio alla realtà, più che alla fantasia....

...mi figuro l'immagine di te, creandola,

nitida, chiara e reale...

..essa è impressa in me, sui miei occhi,

da dove non svanisce, non si dissolve.

Tutto, ora mi parla di te...

...ciò che sento non è menzogna,

niente può turbarmi.

Una foto, nitida...un'altra sfuocata.

Oh sì, ti riconosco ugualmente.

Una canzone, quasi per magia, suona...

...mi ircorda il suono delle tue parole.

Dolci note....

....e la luce, dell'aurora ...nasce dai tuoi occhi..

...si propaga, fino all'orizzonte,

irradia ogni cosa, mi rafforza, questa energia.

Ho più volontà di vivere, se esisti tu.

Così mi sento...

..così sono..

..vivo, vivo, vivo !!

 

                                              L.G.

 

 

 

....gli anni trascorrono, stiamo crescendo, facile dire " mi sento più uomo "...

Grazie alle esperienze di vita, in generale, prove che non mancano mai, durante il trascorrere del tempo.

Maturità acquisita non certo per esami scolastici, quanto per meriti ottenuti sul campo.

E' lì che maturano gli individui, le ossa si formano grazie alla vita, che ti aiuta, quando e quanto può....e non pensi mai al momento in cui, questa vita, sfacciata, passa sopra a tutto e tutti.

Piano piano, basta aspettare, ella richiederà il dovuto.....favore rilasciato in attesa di essere restituito.

Momento assolutamente tragico, quando a seguito di eventi ospedalieri, si scoprirono cose negative, per quanato riguradava la salute di nostro padre....

....di nuovo l'oblio, la sofferenza, l'impegno totale, questa volta per risolvere un problema immenso.....

 

 

 

 Triste festa

 

Vento, freddo, neve……...siete i benvenuti 

in questo gelido inverno. 

Siete ancora qui, in queste fredde giornate. 

Siete i messaggeri, come un tempo,

 di qualche cosa…. evento inaspettato, 

non mancante, nel nostro vivere ordinario. 

Mentre gli alberi, straziati da tanta forza brutale, 

si muovono, ondeggiando. 

Il loro dondolio, le loro chiome, frustrate.

 Sembrano lamentarsi, piangendo le gocce, 

che sembrano lacrime. 

Tendono i rami, verso il cielo, chiedono aiuto. 

Confusi, in questo pianto di dolore. 

Straziante, puntuale… 

...come sempre, ancora qui,

 come ogni Natale.

 

                                    L.G.

 

 

 

 

 

....oscurità all'orizzonte, mentre il tempo procede verso il declino....era mio Padre.